Alpfoodway: tutto pronto per il Final Community Forum di Milano

QUANDO 29 ottobre 2019
DOVE Auditorium Testori - Sede Regione Lombardia
Piazza Città di Lombardia,  1 -  Milano

Il 29 ottobre 2019, presso l'Auditorium Testori di Palazzo Lombardia a Milano, si terrà il Final Community Forum di “Interreg Alpine Space AlpFoodway, il progetto europeo che si è occupato del Patrimonio Culturale Alimentare Alpino utilizzando un approccio interdisciplinare, transnazionale e partecipativo. Sarà l'occasione per presentare i risultati del progetto e per mettere a confronto i 14 partner e i 40 observer di 6 diversi paesi a cavallo delle Alpi (Francia, Italia, Svizzera, Germania, Austria e Slovenia) che ne sono stati parte attiva. 

Studiosi, esperti, comunicatori, governanti e soprattutto comunità del cibo delle Alpi si incontreranno per confrontarsi sui temi della salvaguardia e valorizzazione dell'Alpine Food Heritage, cioè dell'insieme di pratiche di produzione e consumo, di conoscenze e competenze, di paesaggi vissuti e alimenti tradizionali prodotti nelle regioni alpine.

 

Si presenteranno i rischi che corre il Patrimonio alimentare alpino, oggi minacciato dall'espansione urbana, dal turismo di massa, dalle grandi vie di comunicazione che tagliano le valli, dall'inquinamento di aria e acqua e, non da ultimo, dal riscaldamento globale. Si parlerà del tema ancora tristemente attuale dello spopolamento e dell'abbandono delle Alpi, che nonostante siano ancora le montagne più antropizzate al mondo, assieme alla popolazione rischiano di perdere conoscenze e abilità, tradizioni, pratiche e valori legati al Patrimonio alimentare alpino. Ma si racconterà anche come le comunità alpine si stanno muovendo e dell'importanza di salvaguardare il patrimonio alimentare alpino per preservare la cultura e l'identità degli abitanti delle Alpi, per promuovere un modo di vivere in armonia con l'ambiente, per preservare la qualità dei paesaggi alpini garantendo uno sviluppo sostenibile delle regioni alpine a beneficio delle generazioni presenti e future.

Le Alpi hanno un ricchissimo patrimonio di tecniche, saperi, simboli, folclore, tradizioni legati all'agricoltura, alla trasformazione e alla condivisione del cibo nei pasti e nei momenti di festa. Questi elementi culturali sono il risultato dell'interazione dell'uomo e delle sue necessità con le asprezze dell'ambiente montano e del compromesso tra il presente e un passato in cui era la natura a imporre le sue regole. A loro volta, pratiche come la gestione dei castagneti, la salita in alpeggio o la cottura del pane nei forni di villaggio hanno modellato il paesaggio rurale e umano delle Alpi e rappresentano riferimenti identitari per le popolazioni alpine oltre che opportunità di sviluppo sostenibile per le aree di montagna. Valorizzare questi aspetti culturali significa proporre le esperienze basate sull'unicità dei luoghi, dei paesaggi, dei sapori e delle persone che tanto sono ricercate dai viaggiatori di oggi

 

Grazie ad Alpfodway i territori alpini hanno intrapreso un percorso corale di ricerca, documentazione e narrazione del patrimonio alimentare i cui risultati sono disponibili nell'inventario online www.intangiblesearch.euche raccoglie circa cento schede sulla cultura alimentare alpina, ottenute sulla base di ricerche antropologiche, sociologiche e storiche. Produttori, stakeholder, abitanti e turisti delle sei regioni dell'arco alpino sono stati coinvolti in laboratori, workshop, eventi e manifestazioni ideati con lo scopo di favorire la conoscenza e la condivisione del patrimonio alimentare alpino.

AlpFoodway è stato un progetto innovativo, nato con l'obiettivo di collegare il patrimonio alimentare con il marketing e la cultura del consumo considerando le comunità locali protagoniste della politica e del paesaggio. Il progetto ha voluto creare un modello di sviluppo sostenibile per le aree di montagna basato sulla tutela e la valorizzazione del patrimonio del cibo delle Alpi e sull'adozione di pratiche innovative di marketing e nuovi strumenti di governance che sostengano un'identità alpina transnazionale basata su valori culturali comuni espressi nel patrimonio del cibo.

 

Il 29 ottobre il progetto AlpFoodway non si conclude, ma si apre a tutti coloro che possono e vogliono tutelare e valorizzare il patrimonio alimentare delle Alpi. Il primo traguardo che si potrà raggiungere con una visione comune e un'azione coordinata è la candidatura UNESCO di cui AlpFoodway ha gettato le basi. Con la “Carta del patrimonio alimentare alpino”, condivisa dalle comunità alpine di Austria, Francia, Germania, Italia, Slovenia e Svizzera, i partner di progetto hanno creato uno strumento per l'iscrizione del “Patrimonio alimentare alpino” alla Lista rappresentativa dell'UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità che si può firmare e sostenere qui: https://www.alpfoodway.eu/sign-petition/italian

Perché sulle Alpi, come nel resto del mondo, the future is now.