Il mondo in paese. Dall'accoglienza all'inclusione dei rifugiati nei comuni rurali in Piemonte

QUANDO 11 maggio 2017
DOVE Auditorium Vivaldi, Biblioteca Nazionale Universitaria
Piazza Carlo Alberto,  5 -  Torino

Referente: 

Maurizio Dematteis

Organizzato da: 

Associazione Dislivelli


L'accoglienza dei migranti forzati rappresenta un tema centrale per tutti i paesi europei che oggi si interrogano su come affrontare questo fenomeno. In Italia siamo in presenza di un modello di accoglienza diffuso, sancito formalmente dal "Piano operativo nazionale per fronteggiare il flusso straordinario di cittadini extracomunitari" (Conferenza Unificata Stato-Regioni-Autonomie locali del 10 luglio 2014), grazie al quale molti migranti forzati hanno trovato accoglienza anche nelle aree montane e pedemontane. Territori dove la popolazione straniera se ben inserita potrebbe rappresentare una risorsa importante, contribuendo a frenare la riduzione della forza lavoro e il forte invecchiamento della popolazione.

Montanari per forza”, la ricerca realizzata dall'Associazione Dislivelli e FIERI con il sotegno dalla Compagnia San Paolo e il coinvolgimento della Regione Piemonte e dei principali attori del progetto di accoglienza, evidenzia le forme di integrazione possibili dei migranti per aumentare il benessere socio-economico dei singoli individui. Una volta raccolto il materiale, in particolare, verranno individuate due buone pratiche evidenziando i dispositivi organizzativi, le risorse economiche e umane, le condizioni di riuscita, le criticità incontrate e le soluzioni individuate per superarle. Una mappa dei punti di forza e di vulnerabilità, dunque, che permetta di riflettere e operare sulle possibili condizioni di trasferibilità.

L'insediamento dei migranti, intesi come "nuovi montanari", infatti, accanto alle criticità legate alle possibili tensioni sociali, alla difficoltà di accesso ai servizi e al mercato del lavoro, al possibile isolamento sociale e al limitato supporto delle reti di connazionali, presenta delle importanti potenzialità legate ai processi di innovazione culturale, al rilancio di settori economici in declino e al recupero di aree in corso di abbandono. Un insieme di indicatori positivi che può innescare una nuova vivibilità delle montagne.

Il mondo in paese è quindi un convegno dedicato ai progetti di accoglienza e integrazione per i rifugiati nei comuni rurali - in particolare montani - piemontesi. Un'iniziativa promossa dalla Compagnia San Paolo, la Regione Piemonte e la Città Metropolitana di Torino, in collaborazione con l'Associazione Dislivelli e il Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull'Immigrazione.

Sito web: www.dislivelli.eu