UNESCO “Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino”: il soprintendente Franco Marzatico nominato referente nazionale

La serie di 111 siti archeologici palafitticoli dell'arco alpino” dal 2011 inclusi nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO si trova in Svizzera, Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia ed è composta dai resti di insediamenti preistorici databili tra il 5000 e il 500 a.C. che si trovano sotto l'acqua, sulle rive di un lago, lungo i fiumi o in aree umide. Le eccezionali condizioni di conservazione dei materiali organici fornite dai siti saturi d'acqua, insieme a costose indagini e ricerche archeologiche, hanno consentito un'eccezionale e dettagliata ricostruzione del mondo delle prime società agricole in Europa, fornendo informazioni precise sull'agricoltura, la zootecnia, lo sviluppo della metallurgia, per un periodo di oltre quattro millenni.

19 di questi siti si trovano in Italia, in particolare attorno al Lago di Garda e a quello di Varese, e dislocati in cinque regioni, Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige.

Due, quelli di Fiavé e Ledro, invece, in Trentino. Il loro inserimento nella prestigiosa Lista, è il riconoscimento ufficiale della validità e dell'importanza dei due siti trentini. I motivi della candidatura sono legati a diversi aspetti, a partire dalla scarsa rappresentanza, nel patrimonio mondiale, della preistoria, rispetto alla quale le palafitte costituiscono uno dei fenomeni più appariscenti, molto conosciuti dal grande pubblico e nel contempo ricchi di testimonianze di valore storico.

Informazioni
Provincia autonoma di Trento
Soprintendenza per i beni culturali
Ufficio beni archeologici
Via S.Marco, 27 - 38122 Trento
tel. 0461 496616
e-mail: sopr.beniculturali@provincia.tn.it
www.cultura.trentino.it