Arte dal vivo, musica, fotografia, eventi letterari e teatro: torna a Estoul Il richiamo della foresta

Anche quest'anno ad Estoul, una piccola frazione di Brusson in Val d'Aosta, Il richiamo della foresta offrirà ai propri partecipanti l'opportunità di vivere tre giorni di confronto, progetti e relazioni festose. Oltre alla consueta programmazione fatta di incontri, tavolte rotonde e arte dal vivo, sarà possibile scoprire i sentieri del territorio con l'accompagnamento di una guida escursionistica certificata.

È inoltre prevista l'iniziativa Un filo per tre valli - lungo i sentieri dei migranti tra montagna, arte e cultura, realizzata in collaborazione con il Comune di Gressoney St. Jean, il progetto Muse Diffuse di Fiberart And e l'Associazione Culturale Walser Valle Vogna. Un'escursione che partirà il 20 luglio dalla Valsesia e arriverà al festival il giorno successivo passando per il colle Valdobbia, Gressoney e il Col Ranzola. Il percorso sarà contrassegnato da opere d'arte poste in luoghi chiave e aventi come tema comune l'attraversamento dei confini.

Il richiamo della foresta nasce da un'idea di Paolo Cognetti, vincitore del Premio Strega 2018 con il suo Le otto montagne.