Piccoli comuni e tipicità. Presentazione del Rapporto di Coldiretti e Fondazione Symbola

Il 70% dei Comuni italiani - per l'esattezza 5.567 - non conta più di 5.000 abitanti ma custodisce buona parte delle produzioni a denominazione di origine protetta e controllata del nostro Paese. Si tratta di un patrimonio prezioso da molteplici punti di vista dato che garantisce la salvaguardia delle colture tradizionali e con esse della biodiversità, la tenuta del tessuto socio-economico di aree spesso interne e periferiche, la tutela del territorio nazionale dal dissesto idro-geologico e da correlati squilibri demografici, il mantenimento delle tipicità agroalimentari e vitivinicole.

La popolazione residente in questi comuni può da oggi contare su una maggiore tutela e considerazione. La Legge n. 158 - Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli Comuni, nonché disposizioni per la riqualificazione e il recupero dei centri storici degli stessi - approvata il 6 ottobre 2017, riconosce finalmente il valore di tenere in vita i piccoli centri abitati ed è un buon punto di partenza per la rinascita degli angoli più segreti del Paese.

All'incontro Piccoli comuni e tipicità parteciperanno esperti e professionisti che - in occasione del 2018 "Anno nazionale del cibo italiano nel mondo" - ricostruiranno la geografia delle nostre qualità territoriali ribadendo quanto la cultura eneograstronomica dell'Italia, apprezzata in tutto il mondo, dipenda profondamente dalla difesa e promozione della vivibilità dei piccoli borghi, autentici rappresentanti di tali insostituibili risorse.