News

Uncem: la riduzione dei parlamentari riduce la rappresentanza dei territori montani

Il taglio dei Parlamentari, da 915 a 600 tra Senatori e Deputati, avrebbe gravi effetti sulla rappresentanza dei territori rurali e montani del Paese. Ne è convinta l'Uncem - Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani - che sottolinea come la riduzione degli eletti e l'attuale struttura dei collegi elettorali (uninominali e plurinominali) garantisce le città, che in base ai numeri di abitanti, continueranno ad avere un buon numero dei rappresentanti eletti nelle Camere, mentre penalizza fortemente le aree a bassa densità demografica con enormi collegi uninominali e plurinominali. Nelle leggi elettorali con collegi o circoscrizioni, più queste sono grandi, meno le aree montane e rurali hanno capacità di incidere nelle scelte ed eleggere persone che provengono da quei territori.